Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

 

 

01.07.09
 

In diretta su Raisport i telecrononisti Rai per l'atletica ai XVI Giochi del Mediterraneo, Attilio Monetti e Marco Lollobrigida, sono stati supportati nel loro commento dai tempi e dalla grafica, forniti dalla Federazione Italiana Cronometristi.
La distanza di pochi metri dalla postazione dei cronos da quella dei giornalisti, è stata l'occasione per ascoltare la loro opinione sul timing.
Lollobrigida, che tra gli altri, ha avuto la fortuna di commentare il record del mondo dell'ostacolista cinese Liu Xiang a Losanna nel 2006, sottolinea: "Seppur i cronos lavorano nell'ombra, il loro apporto è fondamentale. Più lo sport evolve nelle prestazioni, più i cronometristi sono impegnati con tecnologie che avanzano".
Monetti, ricordando il suo passato da atleta, riepiloga la storia dello start: "l’uso della pistola fu introdotto per avviare le gare di corsa e si rese necessario per ovviare agli inconvenienti che si verificavano durante le partenze date con il così detto mutuo consenso. Atleti in gara due per volta che si tenevano per mano e quando le dita perdevano contatto gli atleti cominciavano a correre".
Oggi il futuro è a Pescara, con la FICr che gestisce il sistema automatico di false partenze e tempi di reazione al millesimo di secondo.

[Pescara 2009]