Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

MarioePaolaGulinoIl Panathlon Club e l’Associazione cronometristi di Enna  hanno voluto ricordare con una manifestazione sportiva automobilistica Angelo Barbarino e Francesco La Delfa, due personaggi che hanno scritto pagine sportive importanti nel campo del cronometraggio e dell’automobilismo.

L’appuntamento era sul circuito di Pergusa,proprio davanti le tribune, per partecipare al 10 Memorial Angelo Barbarino ed alla 9 Coppa Francesco La Delfa. Uno slalom particolare, che ha visto la partecipazione di panathleti e cronometristi, molti nella duplice veste, per ricordare due cari amici che non ci sono più e che vengono ricordati con tanto affetto.

19 le copie partecipanti alle due manifestazioni ,che prevedeva cinque settori da percorrere con le auto in tempi stabiliti (10”-8”-6”-12”-9”) con un tempo finale di 45 secondi per il Memorial Barbarino , mentre per la Coppa La Delfa  due settori (il primo ed il quinto) da percorrere  in secondi stabiliti (10” e 9”).

Il Memorial Angelo Barbarino è stato vinto  da Mario Gulino, conosciuto  nel mondo della pallamano, con la figlia Paola, che hanno commesso 85 penalita,al secondo posto la coppia  Bonasera Campanella con 191 penalità, qui ndi seguono Petralia-Aquilino con 221, Di Natale- Giardina  con 237 penalità e Greco- Milotta con 255 penalità.

La Coppa Francesco la Delfa è stata vinta da un cronometrista Mauro Di Natale con la moglie Carole che hanno commesso una sola penalità, quindi Gulino- Gulino con 46 penalità, Spagnolo-Spagnolo  con 59 penalità, Petralia-Aquilino con 61 penalità, Bonasera-Campanella con 65 penalità. Alla fine a premiare i vincitori sono stati Lidia ,moglie di Angelo Barbarino, e Amalia, moglie di Francesco La Delfa.

A dirigere la manifestazione in tutti i sensi è stato Calogero Nasonte, presidente dell’Associazione cronometristi.

Flavio Guzzone