Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

VaccinazioniConi2016L'Istituto di Medicina e Scienza dello Sport "Antonio Venerando" ha ospitato questa mattina la presentazione della Giornata Nazionale delle Vaccinazioni. L'evento, che si è tenuto nell'Aula Magna del Centro di Preparazione Olimpica Giulio Onesti all'Acqua Acetosa, è stato promosso dalla Federazione Italiana Associazioni e Società Scientifiche dell'Area Pediatrica in collaborazione con il Comitato Olimpico Nazionale Italiano, il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, il Ministero della Salute, l'Istituto Superiore di Sanità e la Croce Rossa, I lavori sono stati aperti dal Presidente del CONI, Giovanni Malagò, cui é seguito il saluto del Capo Segreteria del Sottosegretario di Stato al MIUR, Marco Campione, in rappresentanza di Davide Faraone.

 
Hanno partecipato, tra gli altri, il Presidente della FIARPED, Giovanni Corsello, che ha analizzato la tematica della giornata, presentandola e sottolineando la creazione dello sportello per le vaccinazioni a scuola,  il Direttore dell'Istituto di Medicina e Scienza dello Sport del CONI, Antonio Spataro, che ha approfondito i contenuti dell'impegno e della tradizione dell'Istituto nella politica della prevenzione, il Direttore Scientifico dell'Istituto Nazionale delle Malattie Infettive "Lazzaro Spallanzani", Giuseppe Ippolito, che si è invece soffermato sulle malattie infettive relativamente ai grandi eventi, e il Direttore delle malattie infettive, parassitarie e immunomediate dell'Istituto Superiore di Sanità, Giovanni Rezza, che ha concluso i lavori parlando del calo delle coperture vaccinali e della necessità di un impegno globale a livello di sensibilizzazione.

 
Malagò ha sottolineato l'importanza dell'iniziativa che coinvolge il mondo sportivo. "E' una presentazione che ci inorgoglisce per i significati che riveste. Oggi lo sport è al centro delle attenzioni della comunità e non solo del mondo che ci riguarda. Questo perché siamo presenti ovunque, siamo un veicolo forte grazie all'attività energica nel raccontare chi siamo e diventiamo testimonial di un messaggio importante. Perché lo sport unisce. Le istituzioni esterne ci vogliono come partner. Per questo oggi parliamo di vaccinazioni, per contribuire a promuovere un concetto che contribuisce al benessere della collettività. Complimenti a chi ha voluto questa iniziativa. Lo sport c'è sempre e siamo felici di dare questo segnale positivo".

 

[ fonte www.coni.it ]