Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

ppA Casa Italia un altro piccolo passo verso l’apertura al dialogo tra la Corea del Sud e la Corea del Nord. Ung Chang, unico membro CIO della Corea del Nord è stato accolto dal collega italiano Mario Pescante nella casa azzurra. Ung Chang fino al 2015 ha guidato una delle Federazioni internazionali di taekwondo e sta ancora lavorando per poterle riunire.


Dopo la cerimonia inaugurale c’è stata la stretta di mano tra il Presidente sudcoreano e la sorella del leader nordcoreano, la squadra di hockey femminile, che comprende atlete di entrambe le Coree.

 

 

Un gesto che rappresenta il simbolo di questo accordo in occasione delle Olimpiadi, e che è stata indicata per l'assegnazione del Nobel per la pace. “Sarebbe davvero una buona idea, splendida” la risposta di Chang che poi scherza con Mario Pescante, che poco prima aveva detto di avere una risposta diversa. “Lui non vuole, perché rappresenta il CIO alle Nazioni Unite ed è un politico. Dovete chiedere a lui il permesso.

 

 

Per me è una buona idea, ma dipende da Mario Pescante”. Chang ha poi aggiunto: "In questi Giochi abbiamo visto la squadra coreana unita nell’hockey su ghiaccio e io spero che questa cosa si possa estendere, perché le Olimpiadi e lo sport superano qualunque differenza tra di noi. Lo sport, ma anche l’arte, la danza e la musica superano la politica”

 

 

 

Emanuela Grussu

Marketing & Comunicazione FICr