Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

gIOCHI mONDIALI sPECIAL oLYMPICS 2019Arrivano in fila indiana, fieri di indossare la loro divisa “Special Olympics”, e tenendo in alto i colori del nostro Paese. Entrano in modo ordinato ed emozionati nel vedere, forse per alcuni di loro per la prima volta, il Salone d’Onore del CONI, oggi allestito per salutare e tifare la delegazione dei 157 azzurri che stasera partirà per Abu Dhabi dove dal 14 al 21 marzo si svolgeranno i Giochi Mondiali Special Olympics.

La Federazione Italiana Cronometristi non poteva mancare a questo appuntamento, ed ha portato il più grande in bocca al lupo agli atleti convocati ai Giochi Mondiali Special Olympics, in cui oltre 7mila atleti provenienti da ogni parte del mondo, saranno impegnati in 24 discipline sportive.

Alla presenza del Presidente del Coni, Giovanni Malagò, del Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli, e del Presidente di Special Olympics Italia, Angelo Moratti, la più giovane atleta della delegazione Special Olympics ha raccontato la sua esperienza, spiegando con estrema semplicità la grande rivoluzione di prospettiva che, attraverso lo sport, tocca i temi fondamentali del nostro tempo come l'accettazione di tutte le diversità e la piena inclusione. E questo è il segreto“Special Olympics!

E' impressionante vedere come siete cresciuti, agli albori questo progetto sembrava una scommessa e invece questa grande famiglia che ha avuto lungimiranza. Gli Special Olympics sono sempre stati posizionati a metà e noi siamo fieri, orgogliosi da sempre di avervi con noi nella grande famiglia del Coni e del Comitato paralimpico".

Lo ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ai protagonisti di questa impegnativa giornata. Infatti subito dopo la conferenza stampa al CONI la delegazione si dirigerà presso la Sala della Lupa, al Palazzo Montecitorio, per il saluto del Presidente della Camera, Roberto Fico, del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte del Sottosegretario Simone Valente e del Ministro della Famiglia e delle disabilità, Lorenzo Fontana.

 

Emanuela Grussu

Comunicazione & Marketing FICr

 

 

I GIOCHI MONDIALI SPECIAL OLYMPICS

I nostri atleti Azzurri saranno impegnati a gareggiare nelle discipline. atletica, badminton, bocce, bowling, calcio a 5 unificato, calcio a 7 unificato, equitazione, ginnastica artistica e ritmica, golf, equitazione, pallacanestro unificata e tradizionale, pallavolo unificata, nuoto, nuoto in acque libere, tennis, tennistavolo.

"Non esiste posto migliore di Abu Dhabi per invitare il mondo ad unirsi e celebrare lo sport, celebrare le persone di tutte le culture e per dimostrare al mondo che le barriere culturali possono essere cancellate - ha detto Timothy Shriver, Presidente di Special Olympics International - Siamo entusiasti all’idea che siano i primi Giochi Mondiali organizzati nell’area Medio Orientale del mondo”.

Lo sport, ancora una volta, è lo strumento migliore per offrire l'opportunità alle persone con disabilità intellettive di mettere in campo tutte le loro capacità. Lo sport unificato, che per l'Italia ai Giochi Mondiali di Abu Dhabi vedrà giocare insieme, nella stessa squadra, atleti con e senza disabilità intellettive nel basket, nelle bocce, nel bowling, nel calcio e nella pallavolo, dimostrerà quanto in fondo sia semplice abbattere ogni stereotipo e pregiudizio con un semplice passaggio di "pallone", icona del Movimento Special Olympics in tutto il mondo.


Special Olympics Italia in vista del più grande evento sportivo ed umanitario del 2019, i Giochi Mondiali Special Olympics di Abu Dhabi, ha lanciato la Campagna di raccolta fondi "Adotta un Campione" con l’obiettivo di coprire le spese della trasferta degli Atleti italiani all’evento.

A tal fine su www.ioadottouncampione.it, la piattaforma di crowdfunding dedicata, è possibile, oltre a condividere le storie degli atleti italiani ai Giochi Mondiali Special Olympics, sostenere la Campagna effettuando una donazione libera.

Tanti personaggi del mondo dello sport, musicale e dello spettacolo, sono scesi idealmente in campo per donare e sensibilizzare i propri followers attraverso la realizzazione di un video messaggio pubblicato sui social network.