Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

La vincitrice Annemiek Van VleutenNella splendida cornice del castello di Udine si è conclusa domenica 14 Luglio la 30ma edizione del Giro Rosa. Per chiudere in bellezza dopo complessivi 911 chilometri suddivisi in 10 tappe, patron Rivolta ha pensato bene di porre il traguardo finale al culmine di un’erta lastricata di pavé, breve (appena 200 metri), però durissima e con l’arrivo su sterrato con fondo compatto come il cemento. Un bel problema per i cronos, costretti ad un improbo lavoro di scavo sotto un sole impietoso tipo lavori forzati per piazzare l’antenna dei transponder e fissarci sopra lo striscione dell’arrivo tenuto in qualche modo aderente al terreno con dei lunghi chiodi da carpentiere miracolosamente procuratici dagli organizzatori locali. Apprensione da parte nostra che si taglia col coltello mammano ci si avvicina all’epilogo, che raggiunge il top ad ogni passaggio di macchine e moto che precedono la corsa, ma poi grosso sospiro di sollievo non appena Marianne Vos (ancora lei) taglia per prima e indenne il traguardo mettendo in fila le altre 121 superstiti del Giro che la seguono alla spicciolata. Per fortuna è andato tutto bene! Il Giro è appannaggio dell’olandese Annemiek Van Vleuten che bissa così il successo dell’anno precedente.

E “tutto bene” può essere il commento finale per marcare in estrema sintesi il nostro lavoro, che con l’apporto determinante di ciascun componente dell’équipe, nessuno escluso, ha garantito al Giro un servizio pressoché perfetto, che ha soddisfatto in pieno il Collegio di Giuria internazionale capeggiato dal francese Joel Alies, definendo il servizio di cronometraggio come “sollecito e privo di errori”. Completo gradimento per il nostro prezioso contributo al successo della Manifestazione ci è stato manifestato anche dallo staff organizzativo del Giro Rosa capeggiato da Giuseppe Rivolta.

Tanto ci basta per archiviare molto positivamente questa 30ma edizione del Giro d’Italia Femminile, che da parte nostra ha richiesto il massimo impegno, gratificato alla fine da unanimi apprezzamenti. Grande soddisfazione quindi per essere stati in ogni fase all’altezza della situazione.

Per quanto riguarda il software è stato collaudato positivamente il programma “Ciclismo” con le modifiche apportate da Marco Barilari della Commissione Tecnica Federale riguardanti in special modo la gestione della Cronometro a Squadre e la stesura delle classifiche formattate ad hoc per la trasmissione dei risultati all’UCI. E’ doveroso un sentito ringraziamento a Marco per l’assistenza fornitaci fino all’immediata vigilia della Manifestazione e anche nel corso della medesima.

Una novità molto apprezzata dai giornalisti al seguito è stato il corner approntato all’arrivo appositamente per loro: Una specie di Centro Classifiche mobile, dotato di un monitor per la visualizzazione in tempo reale dell’Ordine d’Arrivo e della Classifica Generale e una postazione client con stampante per la distribuzione delle varie classifiche a chiunque ne avesse fatto richiesta.

Sergio Conte

dsc al Giro d’Italia Femminile