Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Cubeda articoloChiaramonte Gulfi (Rg). Domenico Cubeda il cannibale de “La Salita dei Monti Iblei”

Domenica 1 settembre, il catanese Domenico Cubeda ha vinto per il 6° anno consecutivo con la sua Osella FA 30 Zytek 3.0, la 62ª edizione de “ La Salita dei Monti Iblei”, la prestigiosa gara automobilistica che si corre, ogni anno, sui tornanti di Chiaramonte Gulfi (Rg), valida per il 12° Trofeo italiano velocità in montagna (Tivm) girone Sud, nonché per la 4ª  tappa del Campionato siciliano velocità in salita riservato sia alle auto Moderne che a quelle Storiche.

Il pilota catanese, che per i postumi dell’incidente del 28 aprile avvenuto nelle Marche in cui aveva partecipato ad una manifestazione automobilistica non aveva più gareggiato, è tornato da vincente nelle corse che contano dimostrando di ben conoscere ogni singola curva e sbavatura del tracciato di Chiaramonte Gulfi nonostante sia stato allungato, proprio in questa edizione, di 3 chilometri portandolo a 8,5 anziché 5,5 chilometri degli anni passati.

La gara organizzata dal Team Palikè di Palermo, con il patrocinio del comune di Chiaramonte Gulfi (Rg) ed in collaborazione con la Muxaro Corse e dal gruppo Cinquecentisti chiaramontani, ha visto i cronometristi dell’Asd “Hyblea” di Ragusa scendere in pista con una folta squadra per rilevare tempi e stilare classifiche: assoluta, di gruppo, di classe  e speciali. Per tutti i risultati è possibile consultare il sito http://salita.ficr.it

La manifestazione automobilistica a causa del maltempo che ha colpito la zona della pineta chiaramontana è iniziata con circa 2 ore di ritardo, il tracciato bagnato ha messo in difficoltà i primi piloti scesi in pista, dopo mezzogiorno il sole ha fatto capolino asciugando l’asfalto e facendo registrare dei tempi di vero rispetto per quasi tutti i concorrenti.

Domenico Cubeda, dopo il buon rilevamento cronometrico di ieri in occasione delle prove ufficiali (4’07”93), ha vinto nonostante abbia trovato lungo il percorso delle auto che si erano bloccate per problemi di meccanica e segnalate con bandiera gialla dai commissari di percorso, il tempo realizzato è stato di 3’58”45; al secondo posto con un ritardo di 2”19 si è piazzato Francesco Conticelli di Marsala (Tp) su Osella PA 2000 Honda; mentre l’ultimo gradino del podio è andato al giovane Luigi Fazzino di Melilli (Sr) su Osella PA 21 JrB Suzuki 1.6 che ha bloccato i cronometri a 4’08”40.

Il miglior tempo nel raggruppamento delle Auto Storiche è stato quello del messinese Salvatore Caristi su Fiat 128 Berlina della scuderia Phoenix che ha bloccato i cronometri a 6’06”24; al secondo posto con un ritardo di 4”14 si è classificato Camillo Centamore di Augusta (Sr) con la sua monoposto Formula Junior; mentre l’ultimo gradino del podio è andato al pilota noto con il nickname Aeron a bordo della sua Renault 5 GT Turbo con il tempo di 6’17”67.

Al termine della competizione sono seguite le premiazioni a scuderie e piloti presso i locali del teatro “Sciascia” di Chiaramonte Gulfi (Rg).

Filippo Corvo -  (Asd Cronometristi “Hyblea” Ragusa)