Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
LineeCovidIeri sera a partire dalle ore 20,00 il Presidente Avv. Gianfranco Ravà ed i componenti del Consiglio Federale hanno organizzato un incontro in conference call per discutere insieme le linee guida disposte dall'Ing. Antonio Bruno, RSPP della Federazione Italiana Cronometristi, ad uso delle Associazioni FICr. 
Il Presidente Ravà, dopo aver ringraziato per la disponibilità l'Ing Bruno, è entrato nel dettaglio del percorso seguito nelle ultime settimane, caratterizzato da un minuzioso lavoro di analisi che ha permesso la realizzazione delle Linee Guida della FICR.
Successivamente il Presidente ha illustrato dettagliatamente i due modelli di protocollo, in relazione principalmente alle sedi di competenza delle singole ASD della Federazione Italiana Cronometristi.
La prima tipologia di Protocollo, ha spiegato Ravà,  fa riferimento alle ASD che hanno le sedi presso i Comitati regionali, ospiti a vario titolo della FICR, all'interno di edifici di competenza di Sport e Salute Spa. In questo caso le norme generali anti contagio (misura della temperatura, modalità di accesso, sanificazione e pulizia, ecc.) saranno di competenza di Sport e Salute Spa, analogamente a quanto avviene per la segreteria generale della FICr. A queste, è stato chiarito, dovranno adeguarsi le singole ASD, oltre a quelle di competenza specifica delle ASD stesse nei confronti degli associati (informativa, dotazione di mascherine, ecc.). 
La seconda tipologia di Protocollo, ha proseguito il Presidente, segue le disposizioni del primo protocollo, ma con la differenza che essendo le sedi non inserite all'interno di sedi Sport e Salute Spa, le attività generali (misura della temperatura, modalità di accesso,sanificazione e pulizia, ecc.) saranno di competenza della singola ASD, comportando quindi una diversa declinazione del Protocollo.
Tanti gli interventi, le segnalazioni e le testimonianze da parte dei Presidenti delle Associazioni che hanno accolto con entusiasmo un momento di confronto e che ha permesso di chiarire alcuni importanti passaggi rispetto alle varie tipologie e modalità di svolgimento delle attività di cronometraggio. 
Il Presidente ha sottolineato l'importanza di un impegno corale per far ripartire l'attività di cronometraggio in tutto il territorio, sia pur rispettando i principi generali di sicurezza e le disposizioni governative. 
Un incontro che ha messo ancora una volta in evidenza il valore di condividere delle risorse adeguate affinché ci si possa mettere, in tempo utile, nelle migliori condizioni per consentire una corretta ripresa di tutte le attività di cronometraggio.
 
 
Emanuela Grussu
Comunicazione & Marketing FICr