Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Traversata 2020Domenica i cronometristi dell’ASD “P.Pizzi” di Messina, coordinati dal DSC Dario Corrieri, sono stati impegnati nella 56^ Traversata  dello Stretto organizzata dal Centro Nuoto Sub Villa con partenza da Capo Peloro e arrivo sul molo del porticciolo turistico di Cannitello a Villa S. Giovanni (RC). Edizione quanto mai agguerrita quella di quest’anno, che a dispetto delle difficoltà, ha visto confrontarsi con le acque dello Stretto ben 82 nuotatori, fra questi i più forti specialisti del nuoto di fondo nazionale: ben 100 le medaglie presenti in gara.

La gara, quest’anno fra le più veloci di sempre grazie alla corrente discendente, non ha certamente tradito le aspettative, i nuotatori si sono dati battaglia fino all’ultima bracciata, confrontandosi con il tempo, la fatica e le insidiose correnti dello Stretto. A toccare per primo fra gli Agonisti Andrea Manzi della Canottieri Napoli con un tempo di 48’44”09 che ha preceduto di 4” Marcello Guidi delle Fiamme Oro Napoli ed Emanuele Russo del Circolo Nautico Posillipo, terzo davvero per un soffio. Fra le donne a trionfare la compagna di squadra di Manzi, Ginevra Taddeucci, 4^ assoluta che con il suo 51’02”09 ha preceduto Giulia Gabbrielleschi (Fiamme Oro Napoli) e Silvia Ciccarella (G.S. Carabinieri). Per la categoria Master Maschi la vittoria è andata a  Fabio Calmassini che ha preceduto Antonino Trippodo e Igor Piovesan, per quella Master Femmine a Giuseppa Zizzo davanti a Daniela Calvino e Florentina Ciocilteu.

Decisivo sicuramente per il trionfo degli atleti il contributo degli esperti barcaioli che hanno loro indicato la rotta giusta per affrontare le non facili acque dello Stretto, luogo tanto splendido dal punto di vista naturalistico, quanto insidioso per le forti correnti e i mille tranelli che riserva a chi non lo conosce bene. Ed è proprio questa sfida in più proposta dallo Stretto ai tanti nuotatori presenti ad esercitare il ruolo che per gli eroi omerici era rappresentato del canto delle Sirene, oltre ad uno scenario naturale probabilmente unico al mondo. La Traversata dello Stretto “non è una gara, è un’emozione” recita il sottotitolo sul banner della gara e i vincitori che per la prima volta si confrontavano con quest’emozione non hanno potuto che confermare. 

Inutile negare il fascino che anche sui cronos esercita la Traversata, da sempre gara speciale per chi sulle rive dello Stretto è nato. Un’ultima notazione per la graditissima visita del neo eletto Presidente Regionale della Calabria Avv. Andrea Guarna

Mariaclara Freni

Addetto Stampa

ASD Cronometristi “P. Pizzi” Messina