Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

mm2021 2

 

 

Il Consiglio Federale dello scorso 24 aprile ha deliberato un fondo spese per la partecipazione dei cronometristi a grandi eventi per consentire di predisporre servizi di cronometraggio di alto livello in manifestazioni sportive di rilievo e contemporaneamente dare la possibilità a tutti i tesserati di essere inclusi in progetti sportivi di grande interesse.

 

Nella Mille Miglia 2021 questo intento ha preso forma con la partecipazione dei cronos di Biella e Avellino impegnati in postazione al rilevamento cronometrico con pressostato e trasmissione dati.

 

A Natascia Demurtas, Consigliere federale con delega ai rapporti con le Associazioni, è stato affidato il compito di coordinare l’attività: “Aver dato gambe al nostro progetto con la partecipazione dei cronometristi delle associazioni di Biella ed Avellino ad una manifestazione di così importante rilievo sia dal punto di vista professionale che dal punto di vista umano non ci può che rendere felici e ci motiva a proseguire in questo percorso inclusivo e  di coinvolgimento delle piccole associazioni in manifestazione importanti”.

 

Ecco le testimonianze dei cronos coinvolti espresse dai Presidenti delle ASD Cronometristi di Biella e Avellino.

 

Marco Bertone Presidente dell’ASD Cronometristi di Biella: “Ben vengano iniziative di questo tipo perché altrimenti non ci sarebbe la possibilità di partecipare a manifestazioni di alto livello e quindi di imparare sul campo. I cronos di Biella sono stati freddi a gestire tutte le situazioni, da quelle più semplici a quelle più complesse”.

 

Lucio Lanzetta Presidente dell’ASD Cronometristi di Avellino: “La Mille Miglia è una gara da non perdere, dal punto di vista dei partecipanti ma anche per i cronometristi. E’ richiesto un grande impegno, sia fisico che mentale. I crono avevano già un buon livello di conoscenza sulle gare di regolarità ma cimentarsi su in una manifestazione internazionale e con un grande numero di concorrenti ha messo alla prova le loro capacità e i cronos hanno risposto egregiamente”.