Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

 REGOLAMENTO CENTRO STUDI

 

Art. 1.
E’ costituito il Centro Studi (d’ora innanzi C.S.) ed ha sede presso la Federazione Italiana Cronometristi in Roma Viale Tiziano 70.

 

Art. 2.
Al C.S. è affidato lo sviluppo di attività finalizzate alla promozione della F.I.Cr. e della sua operatività, anche mediante la ricerca e sviluppo di innovazioni tecnologiche, lo studio di elaborazioni statistiche nel campo dello sport, in generale, e del cronometraggio in particolare oltreché ogni più opportuna iniziativa ed attività per l’aggiornamento delle carte federali, anche secondo le indicazioni in tema di statuto, regolamento organico e di giustizia emanate dal CONI, nonché di aggiornamento e tenuta dei manuali tecnico - operativi.

 

Art.3.
Il C.S. esplica e svolge il proprio incarico ed attività seguendo quattro settori:


-    Settore dedicato alla evoluzione tecnologica mediante un’attività costante di monitoraggio del mercato delle apparecchiature di cronometraggio, software ed hardware che possono interessare la Federazione, con un’attività di supporto e di concerto con la C.T.F. alla quale andranno segnalate eventuali novità o innovazioni tecnologiche reperite sul mercato del timing e non solo;


-    Settore dedicato ai rapporti con la S.F.C. al fine di curare l’aggiornamento dei manuali di cronometraggio di concerto con i C.F. delegati ai rapporti con le FF.SS.NN. avvalendosi anche dei collaboratori degli stessi;


-    Settore dedicato all’aggiornamento delle Carte Federali in collaborazione con la S.G. ed eventuali consulenti esterni, per seguire l’evoluzione delle norme proposte o introdotte dal CONI oltreché l’evoluzione normativa civilistica, fiscale ed amministrativa di interesse per l’attività federale ed associativa.


-    Marketing, comunicazione e promozione.

 

Art. 4.
Il C.S. è alle dirette dipendenze del Consiglio Federale da cui riceve direttive per le iniziative o che esamina ed approva le proposte presentate dal suo Coordinatore. Il C.S. ha piena autonomia nello svolgimento dei lavori.

 

Art. 5.
All’inizio di ogni quadriennio, il C.F. nomina il Coordinatore del Centro Studi al quale spetta il compito di coordinare il lavoro per quanto riguarda la scelta dei collaboratori finalizzata alle singole attività, le convocazioni di riunioni, l’indirizzo e l’affidamento degli incarichi alle varie figure di volta in volta interessate. Nel caso di incarico conferito a persona esterna al C.F., quest’ultimo nomina un Consigliere di collegamento tra il C.S. ed il Consiglio stesso.
Il Coordinatore decade in uno con il C.F. restando in carica per la sola ordinaria gestione sino alla nomina del nuovo Coordinatore.

 

Art. 6.
Il Consiglio direttivo del C.S. è composto: dal Coordinatore, da un Vice Coordinatore, dal Direttore della Scuola di Cronometraggio e dal Presidente della Commissione Tecnica. Le funzioni di segreteria del C.S. sono svolte da un componente della Segreteria Generale (S.G.). Il Coordinatore può essere rimosso dall’incarico dal Consiglio Federale quando siano venute meno le ragioni che ne avevano consigliato la nomina per motivi di palese incompatibilità.
Il Coordinatore del Centro Studi partecipa di diritto ai lavori del Consiglio Direttivo della Scuola Federale di Cronometraggio e della Commissione Tecnica Federale.

 

Art. 7.
Il Coordinatore del C.S., in occasione delle iniziative intraprese, individua in accordo con il C.F. i nominativi dei collaboratori valutati e selezionati secondo le loro specifiche competenze e conoscenze, che vengono successivamente convocati dal Coordinatore in funzione dell’attività da intraprendere. La valutazione delle capacità dei collaboratori potrà essere effettuata anche tramite colloqui di natura tecnica o valutazione di competenze professionali specifiche, anche su indicazione del Consiglio Federale, e/o dei delegati alle discipline sportive, sentiti eventualmente i Presidenti Regionali e i Presidenti di Associazione.

 

Art. 8.  
Coloro che saranno chiamati, di volta in volta a collaborare con il C.S., per le singole iniziative, devono essere tesserati alla F.I.Cr. Detti collaboratori saranno incaricati, su indicazione del Coordinatore, dal C.F., in base all’esperienza maturata e alle competenze specifiche riconosciute e condivise.
Per ovviare a specifiche esigenze potranno essere affiancati al C.S. collaboratori aggiunti esterni alla F.I.Cr., con conoscenze particolari, previo assenso del C.F. Per tutta la durata dell’incarico questi componenti faranno parte integrante del C.S.
I collaboratori del C.S. possono essere incaricati dal Coordinatore, anche singolarmente, di effettuare ricognizioni presso archivi del CONI, della F.I.Cr. o delle Associazioni nonché presso aziende esterne, allo scopo di recepire dati ed informazioni necessarie all’attività.

 

Art. 9.
Per quanto possibile lo scambio di informazioni e l’attività del C.S. si svolgerà con l’utilizzo di strumenti informatici di comunicazione. Qualora si rendesse necessario il P.F. potrà autorizzare incontri.

 

Art. 10.
Il Coordinatore è tenuto a produrre una relazione annuale sulle iniziative intraprese, al Presidente Federale da trasmettere al Consiglio Federale entro il 31 gennaio dell’anno successivo.
Il Coordinatore del C.S., se esterno alla composizione del Consiglio Federale, potrà essere invitato dal Presidente Federale a partecipare alle riunioni del Consiglio, ove fossero trattati specifici argomenti di interesse o di competenza del C.S. stesso.

 

Art. 11.
I collaboratori del C.S. hanno l’obbligo di mantenere il più assoluto riserbo sull’attività svolta e sui contatti ed informazioni acquisite nello svolgimento dell’incarico.


Art. 12.
L’incarico di collaboratore del C.S. è gratuito, salvo il rimborso delle spese secondo le tabelle federali per quanto attiene spese di vitto, alloggio e viaggio, anche per i collaboratori esterni alla F.I.Cr.

 

Approvato dal Consiglio Federale nella riunione dell’8 luglio 2017.

 

scarica il regolamento in formato PDF